TexadeBooks Edizioni© è una denominazione di fantasia che non sottintende alcuna persona fisica o giuridica, essendo solo un marchio di fatto che identifica pubblicazioni anonime e totalmente gratuite.

_____________________________________________________________

 

Tibet “occupato” o falso storico?

 

 

Dalai-Mao

 

Il 14° Dalai Lama e Mao Ze Dong

(foto risalente agli anni ‘50)

 

In Tibet c’è stata davvero un’invasione?

 

No. Il termine “invasione” è assolutamente improprio. Non si è trattato di un’invasione, perché si parla di invasione quando uno stato ne invade un altro. Il Tibet, nel 1949, non era uno stato a sé, ma era parte della Cina. Quindi, se proprio vogliamo dare una definizione all’avvenimento, dobbiamo casomai dire che si sia trattato di un cambio della guardia.

 

L’ingresso in Tibet ed a Lhasa delle truppe di Mao Ze Dong nel 1949, fu assolutamente pacifico, datosi che non c’era (perché non poteva esserci) alcuna ragione politica per la quale i tibetani avrebbero dovuto ribellarsi all’esercito della nazione alla quale appartenevano. Il conflitto di cui si parla sempre, infatti, fu la conseguenza di un’insurrezione “privata” avvenuta nel 1959, cioè dieci anni dopo.

 

Questa non è un’opinione, ma una certezza storica, confortata non solo dalle cartine geografiche dell’epoca, ma soprattutto dagli stessi Stati Uniti che riconoscevano il Tibet come parte del territorio cinese. Nel 1949, infatti, il Dipartimento di Stato Americano pubblicò un libro sulle relazioni USA-Cina con una mappa che mostrava tutta la Cina, Tibet compreso (cfr. Herbert Aptheker, 1977, "America Foreign Policy and The Cold War" (1962), Krauss Reprint Millwood, N.Y. ).

 

Durante il periodo della seconda guerra mondiale, era il governo della R.O.C. a Nanjing a rilasciare i permessi di sorvolo del Tibet agli aerei alleati. Notoriamente, il permesso al sorvolo di un territorio lo rilascia l’autorità alla quale quel territorio appartiene. Ad ulteriore riprova di questa asserzione, c’è la stessa Costituzione della R.O.C.. Nel documento, il Tibet viene citato cinque volte e, più precisamente, agli artt. 26, 64, 91 (due volte) e 120, come provincia del territorio cinese (vedi: http://www.taiwandocuments.org/constitution01.htm ).

 

Il libro “Tre Uomini Fanno Una Tigre”, gratuitamente scaricabile da questo sito, vi racconta la vera storia.

 

 

_____________________________________________________________

 

 

Ma allora… chi è veramente il Dalai Lama?

DALAIsmall

Il 14° Dalai Lama

 

 

 

Comincia ad emergere un nuovo profilo di colui che l’Occidente ha identificato sino ad oggi come carismatico leader spirituale, nonché simbolo di pace e di libertà per tutti i popoli oppressi. Fino a che punto è autentica l’immagine che tutti conosciamo di quest’uomo? Cosa c’è di vero nell’ipotesi di chi sostiene che si tratti di solo di un clamoroso falso storico, di un personaggio fabbricato ad arte solo in funzione degli scopi politici della guerra fredda?

 

Il libro “Tre Uomini Fanno Una Tigre”, gratuitamente scaricabile da questo sito, può aiutarvi a capire meglio.

 

 

 

 

 

_____________________________________________________________

 

 

Cos’è la “Violenza Compassionevole” del Lamaismo e che cosa significa?

blessed-maurizio-tornay

 

Il Beato Padre

Maurice Tornay

 

trucidato dai Lama tibetani in un agguato l’11 Agosto 1949  sulla collina di Choula, e, per questo, è stato beatificato da Giovanni Paolo II come martire

il 16 Maggio 1993.

 

Vedi biografia

Etienne-Jules%20Dubernard-Tibet-Mission-Impossible

 

Copertina del libro

“Tibet, missione impossibile”

 

Raccolta delle lettere del missionario  Etienne-Jules Dubernard,

anch’egli massacrato dai Lama.

 

Vedi La Mission Chez Le Tibétains

 

Se chiunque – in occidente – è arciconvinto che la religione tibetana lamaista sia un’icona assoluta del pacifismo e della non violenza; se il buddismo predica il rispetto di assoluto di tutte le forme di vita al punto di diventare pressoché sinonimo di vegetarianesimo; se il Dalai Lama è stato insignito del Premio Nobel per la Pace nel 1989, è davvero possibile che il Dalai sia, in realtà, un carnivoro gaudente, a favore della guerra, dell’aborto, dell’eutanasia, della fornicazione, dell’omicidio “a fin di bene” e che, oltre tutto, si diverta a sparare agli uccelli col suo “fucilino compassionevole” ad aria compressa?

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il libro “Tre Uomini Fanno Una Tigre”, gratuitamente scaricabile da questo sito, tenta di fare chiarezza su questi fatti.

 

_____________________________________________________________

 

 

Cosa c’entra il Dalai Lama con il criminale giapponese Shoko Asahara?

 

DALAI-SHOKOsmall

 

Da sinistra:

Il 14° Dalai Lama

e Shoko Asahara

 

 

 

Da più parti – compresi alcuni articoli apparsi sulla prestigiosa rivista “Focus” – si sostiene che il Dalai Lama sia stato favoreggiatore ed ispiratore indiretto della strage del 1995 nella metropolitana di Tokio, perpetrata con il gas nervino “Sarin” dagli adepti della setta Aum Shinrikyo capeggiata dal santone Shoko Asahara (a destra nella foto) condannato a morte dalle autorità giapponesi ed oggi in attesa dell’esecuzione. Come è mai possibile che si giunga ad un tale sospetto? Quale influenza può aver avuto il precetto lamaista circa la pratica di atti di “violenza compassionevole”  sul credo e sul conseguente operato della setta giapponese?

 

Il libro “Tre Uomini Fanno Una Tigre”, gratuitamente scaricabile da questo sito, può dare una risposta.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

_________________________________________

 

 

Cos’era il Tibet sotto la signoria lamaista e prima dell’arrivo dell’Esercito Popolare di Liberazione?

slavery1

 

Detenuti tibetani condannati

a chiedere l’elemosina

per strada (1950 ca.)

 

 

 

 

E’ vero – come sostenevano gli inglesi del 1900 – che il Tibet fosse “l’ultimo baluardo mondiale dell’oscurantismo” dove vigevano regole e leggi talmente inumane che neanche il più cupo medioevo europeo ha conosciuto? Quanto sono attendibili le immagini del documentario del National Geographic, girate a Lhasa nel periodo della seconda guerra mondiale, che illustra una tetra società medioevale con servi e schiavi incatenati? Oppure, si tratta solo di propaganda denigratoria attuata dal governo di Pechino?

 

Il libro “Tre Uomini Fanno Una Tigre”, gratuitamente scaricabile da questo sito, può illustrarvi la situazione storica di quel periodo.

 

 

 

 

 

 

_____________________________________________________________

 

 

La reincarnazione, fino a che punto è religione?

bimbo

 

Bambino “reincarnato” (oggi)

 

 

 

 

Ancora oggi, qualsiasi bambino tibetano può essere sottratto agli affetti familiari e segregato in un monastero semplicemente perché considerato la reincarnazione di un Buddha. Quanto è accettabile questa pratica oggigiorno? Fino a che punto l’esercizio di una tradizione religiosa può non essere considerato un crimine, non solo contro i diritti dell’infanzia, ma soprattutto come vero e proprio reato di “sequestro di persona” e “circonvenzione di incapace”?

 

Il libro “Tre Uomini Fanno Una Tigre”, gratuitamente scaricabile da questo sito, può fornirvi degli elementi per consentirvi di valutare.

 

 

 

 

 

_____________________________________________________________

 

 

Il Dalai, l’ama?

dalai_lama_rebiya_kadeer

 

Lhamo Döndrub

e Rebiya Kadeer

 

 

Più verosimilmente la odia, perché Rebiya Kadeer, ultramiliardaira (in dollari) americana è il  sedicente capo spirituale dei musulmani di Urumqui, capitale della provincia cinese dello Xingjiang, che confina col Tibet.

 

L’Islam, così come qualsiasi altra religione che non sia il lamaismo, non riconosce affatto il Dalai come unico ed indiscusso sovrano e quindi i Lama non possono permettersi che un credo diverso dal loro possa attecchire nel “proprio territorio”, pena la perdita totale del potere sulla gente. Durante i tumulti di Lhasa (Marzo 2008), i Lama hanno infatti appiccato il fuoco alla moschea, causando l’orribile morte di fedeli mussulmani in preghiera.

 

Che cosa significa allora questa foto? Si può ipotizzare che si tratti di una foto “terapeutica” per indurre le comunità lamaista e mussulmana di Lhasa a riconciliarsi? Oppure, è una foto che ritrae la sete di potere in tutta la sua peggiore allegoria, mostrando al mondo l’immagine di due persone in amorevole connubio quando invece si tratta di due che si disprezzano al punto di non esitare a bruciarsi reciprocamente vivi?

 

Il libro “Tre Uomini Fanno Una Tigre”, gratuitamente scaricabile da questo sito, può dirvi come stanno davvero le cose.

 

____________________________________________________________

 

L’attività di TexadeBooks Edizioni© non è a fine di lucro, in quanto i suoi prodotti non sono posti in vendita in alcun modo, né in alcuna forma, ma sono distribuiti in maniera completamente ed assolutamente gratuita solo a chi ne faccia esplicita  richiesta.

 

Qualora fossero reperiti in circolazione prodotti marcati TexadeBooks Edizioni© e posti in commercio, si tratta di esemplari non originali e non autorizzati, contro la vendita dei quali si dovrà sporgere immediata denuncia alle Autorità di Polizia Giudiziaria.

 

____________________________________________________________

 

 

 

Per comunicazioni

o se volete essere inclusi/esclusi nelle/dalle nostre Newsletter

potete scriverci al seguente indirizzo:

 

texadebooks[#]gmail.com

 

ricordandovi di mettere @ al posto di [#]

 

Ultimo Aggiornamento: Giugno 2013

 

 

Questo sito è online dal 28 Settembre 2010